Home Lettere ai giornali e varie 2011-03-12 Un vento caldo e polveroso
2011-03-12 Un vento caldo e polveroso PDF Stampa E-mail
Scritto da Giovanni   
Domenica 03 Aprile 2011 19:24

San Martino in Rio, 12 marzo 2011


Caro Direttore,

archiviando dei ritagli di giornale mi è tornato in mano un articolo di Marina Corradi del dicembre scorso, scritto dopo che studenti e non avevano devastato Roma. La Corradi faceva un bel raffronto tra la rabbia del 2010 e la speranza dei ventenni del dopoguerra, che vivevano una situazione oggettivamente peggiore.

La lettura mi ha ricordato un brano di Giovannino Guareschi: “Com’era bella l’Italia pezzente del 1945! Ritornavamo dalla lunga fame dei Lager e trovavamo l’Italia ridotta a mucchi di macerie. Ma, fra i mucchi di calcinacci, sotto i quali marcivano le ossa dei nostri morti innocenti, palpitava il vento fresco e pulito della speranza. Quale differenza fra l’Italia povera del 1945 e la povera Italia miliardaria del 1963! Tra i grattacieli del miracolo economico soffia un vento caldo e polveroso che sa di cadavere, di sesso e di fogna. Nell’Italia miliardaria della ‘dolce vita’ morta è ogni speranza in un mondo migliore.”

Quella di Guareschi è una profezia. Nel 1963, quando tutti ci sentivamo “in crescita”, Guareschi dichiarava la morte della speranza come già avvenuta. In effetti il ’68, il divorzio, la contraccezione di Stato, il terrorismo, l’aborto, lo sballo del sabato sera, erano lì dietro l’angolo in rapida sequenza. Giovannino addita anche il colpevole: la “dolce vita”, l’atto con cui certe élite intellettuali cominciavano a godersela, invece di vivere la vita come impegno.

Allora erano solo le élite. Oggi una “dolce vita” da straccioni non la si nega a nessuno. Un sottofondo permanente di volgarità e gossip in TV, pornografia a volontà dal cinema e da Internet, riviste immonde da due soldi, droga a tutti i livelli, pratiche sessuali e sballo nei fine settimana, aborto, divorzio, convivenze e fare da “ruota di scorta”.

La differenza tra i ragazzi poveri del 1945 e i poveri ragazzi del 2011 è semplice, in fondo. Nel 1945 vedevano le macerie, vedevano i morti innocenti, vedevano che la nuova classe politica che li guidava non era colpevole di quei morti e di quelle macerie. Oggi ci vuole un occhio più attento: le macerie sono le famiglie distrutte, i morti innocenti sono i 5 milioni di bimbi abortiti, ma la classe politica che li ha prodotti e che li produce è ancora lì, a guidarci (nel baratro) da 40 anni.

Non è questione di destra o di sinistra. Il “vento caldo e polveroso” dell’ideologia radicale invade tutto e annichilisce l’azione di tutti. A nessuno viene più in mente che il matrimonio non divorziabile era il miglior investimento economico per un giovane e per una famiglia. A nessuno viene in mente di dire ai ragazzi la frase: “Ragazzi, la vita è cosa seria. I bambini non si abortiscono, mai. Prima ci si sposa, poi ci si accoppia”.

Pazienza. Prima o poi qualcuno si accorgerà che la speranza per i giovani ha una precondizione: che un vento fresco e pulito spazzi via il vento caldo e polveroso dell’ideologia radicale. Ci vorrà tempo, ma prima o poi accadrà. Perché la rabbia, alla lunga, stanca. E qualche giovane prima o poi si girerà attorno a cercare un’alternativa di speranza.

Un caro saluto

Giovanni Lazzaretti

 
Copyright © 2018 Cara Irma.... Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.